Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Ricognizione delle principali misure adottate dal Governo cinese per sostenere le aziende in risposta all’emergenza coronavirus

Data:

12/03/2020


Ricognizione delle principali misure adottate dal Governo cinese per sostenere le aziende in risposta all’emergenza coronavirus

L'Ambasciata d'Italia a Pechino, in coordinamento con i Consolati Generali, gli uffici di ICE-Agenzia in Cina e la Camera di Commercio italiana in Cina (CCIC) ha svolto una prima ricognizione delle principali misure adottate dalle Autorita' governative cinesi, a livello sia centrale che locale, per sostenere l'economia nazionale e le aziende operanti nel Paese di fronte all'emergenza Coronavirus.
Tali misure, raccolte in un documento disponibile al seguente link: www.infomercatiesteri.it/approfondimenti.php?id_paesi=122, includono i principali provvedimenti di natura fiscale, amministrativa, finanziaria, doganale, relativi all'e-commerce e di agevolazione degli oneri sociali e previdenziali e dell'attivita' lavorativa che riguardano tutte le imprese stabilite in Cina continentale, siano esse nazionali o straniere. L'esame dei provvedimenti di natura locale, prevalentemente a livello di Provincia e Municipalita', si e' focalizzato sulle aree a maggior presenza di imprese italiane tra cui quelle principali di Pechino, Shanghai, Guangdong, Suzhou, nonche' la Provincia dello Hubei.
Nel documento sono stati anche riportati i link a iniziative analoghe realizzate dalla Camera di Commercio Europea e dalla CCIC, nonche' inseriti rimandi ai servizi offerti nelle rispettive pagine web dell'Ufficio ICE di Pechino e dello EU SME Center.
Considerato che molte fonti normative sono disponibili solo in lingua cinese, questo Consolato Generale rimane a disposizione (all’indirizzo commerciale.shanghai@esteri.it) per ogni utile assistenza a chiarire o approfondire le disposizioni vigenti nella circoscrizione Shanghai-Zhejiang-Jiangsu-Anhui.


646